fbpx

Doppio ritorto: La camicia da uomo di qualità superiore

Doppio ritorto: La camicia da uomo di qualità superiore

Si sente spesso il termine “doppio ritorto” quando si parla di camicia da uomo. Ci sono molti elementi che caratterizzano una camicia da uomo di qualità eccellente. Il doppio ritorto è uno di questi.

Naturalmente per ottenere un cotone d’eccellenza doppio ritorto è necessario usare le fibre più pregiate.

Sul mercato si possono trovare moltissime camicie “doppio ritorto”, ma questo non significa nulla in termini di qualità del risultato finale perché potrebbero:

  1. Usare cotoni non certificati e scadenti.
  2. Fare la lavorazione in paesi stranieri ottenendo come risultato un doppio ritorto di “seconda classe”.

Perciò non basta usare il termine “doppio ritorto”, ma:

  1. La lavorazione deve essere impeccabile.
  2. Il cotone deve essere di qualità.

 

Vantaggi del cotone Doppio ritorto

Chiarito che non basta dire “doppio ritorto”, ma sono necessari altri elementi per definirne la qualità, questo tipo di lavorazione da alla camicia molti vantaggi;

  • Il tessuto è molto più resistente e duraturo.
  • Morbidezza del tessuto, simile alla seta al tatto.
  • Facilità nello stiro.
  • Meno soggetto alla pieghe.
  • Meno trasparente, quindi non lascia intravedere un’eventuale canottiera sotto la camicia.
  • Il tessuto è più lucente e brillante.

 

Come si realizza il “doppio ritorto”

Per capire, vediamo la differenza tra “mono ritorto” e “doppio ritorto”. Esistono anche i “tripli ritorto”, ma è un argomento riguardante un ambito molto limitato.

Nel caso di un mono ritorto, il filo viene attorcigliato su se stesso per renderlo più resistente. Nel doppio ritorto, il filo viene spaccato in due parti e attorcigliati insieme.

Quindi alla fine si ottiene un telo con lo stesso peso per metro quadrato, stessa quantità di fili per centimetro quadrato, ma nel caso del doppio ritorto si ottiene un risultato migliore.

 

A Presto

Stefano persechini

persechini.gaspdesign.it

“L’Arte della Camicia Bianca”